Booking e Info +39 0784 39303 Orari: Lun/Ven: ore 9:00/19:00, Sab: ore 9:00/13:00 Richiamami

Portale Sardegna
Torna alla Home
La Sardegna proposta da chi la vive!
Iscriviti alla newsletter e risparmia 20€ extra

Guida vacanze Chia

  • Guida vacanze Chia
  • Guida vacanze Chia
  • Guida vacanze Chia
  • Guida vacanze Chia
  • Guida vacanze Chia

Amate le vacanze all’insegna della tranquillità e del relax? La costa sud della Sardegna con le magnifiche spiagge di Chia è perfetta per voi e per i viaggiatori che desiderano trascorrere qualche giorno in completa pace, completamente liberi dai pensieri, coccolati dal sole e dai profumi colorati del suo mare.

Vacanze in Sardegna
a Chia

Sport acquatici

Se siete appassionati di sport acquatici, qui a Chia avrete la possibilità di noleggiare tutto il necessario per praticare le vostre attività preferite. Infine, un piccolo consiglio: fermatevi in una delle molte bancarelle presenti lungo la strada che dal centro abitato porta alle spiagge. Potrete acquistare e assaggiare frutta e verdura fresca di stagione locale a pochi euro da gustare in spiaggia.

Bird watching

Su tutto il territorio circostante le alte dune di sabbia sono presenti due specchi d’acqua lacustre che ospitano numerose specie di uccelli acquatici, tra cui il bello Fenicottero Rosa.

Escursioni

Escursioni a piedi o su due ruote. Sono tre i percorsi di trekking offerti dal territorio di Chia. Il primo è piuttosto semplice, può essere realizzato anche dalle famiglie con bambini. La destinazione è Capo Spartivento raggiungibile tramite un sentiero immerso nella macchia mediterranea. Il secondo è più lungo: da Cala Cipolla ci si incammina lungo una stradina sterrata tra i profumi e i colori della vegetazione, si arriva fin su la cima di Capo Spartivento, dove ci si può riposare qualche minuti contemplando in silenzio la spettacolare vista che ci offre, poi si riprende il trekking per arrivare nella bellissima e solitaria cala Pedralonga. Infine, l’ultimo percorso, realizzabile anche in mountain bike giunge alle rovine della città di Bithia partendo dai piedi del promontorio della torre di Chia. Escursioni in jeep. Oltre al mare qui a Chia c’è anche la montagna, tutta da scoprire con un emozionante gita in fuoristrada. Dopo aver superato il paesino di Domus de Maia si apre una strada che giunge alla foresta di lecci più grande d'Europa, su un monte di circa 900 metri d’altezza. La strada è asfaltata e  si arrampica su per una ripida salita tra eucalyptus, pini, mirto e lentischio. Alla fine della salita si arriva alla foresta di lecci. Ma, si può proseguire ancora per circa altri 8 chilometri per raggiungere il Demanio forestale di Is Cannoneris a quota 742 metri dove si possono ammirare cervi sardi e daini. A fianco la caserma forestale c’è un’area apposita per il picnic. Superando tale luogo, dopo 4 chilometri, si arriva a Punta Sebera, la vetta più alta, da cui, nei giorni di sole il panorama spazia da est al golfo di Cagliari fino a ovest con Carloforte. Escursioni a cavallo. Sono numerosi i maneggi che organizzano suggestive passeggiate a cavallo su una delle magnifiche spiagge di Chia.

Mangiare in Sardegna

Qui potete trovare una lista di ristoranti presenti a Chia e dintorni con i rispettivi numeri di telefono: http://www.chia.it/11Ristoranti.html

Su Giudeu

Su GiudeuÈ la spiaggia più grande e più conosciuta dell’intera baia. Viene spesso chiamata S'Abba Durci, ovvero l’acqua dolce. È lunga e fatta di sabbia fine e dorata con di fronte l’isoletta omonima, raggiungibile a nuoto. Alle spalle, alte e imponenti, grandi dune modellate dal vento danno un tocco squisito a un paesaggio che già di per sé è particolare a sempre affascinante. È, inoltre, l’unica spiaggia della baia a offrire diversi servizi, oltre al parcheggio, sono presenti alcuni stabilimenti balneari attrezzati e le docce.nei pressi dell’isolotto si formano delle piccole piscine delimitate dalle rocce. Chi ama lo snorkeling non si può certo lasciar scappare un’emozionante visita presso tali incantevoli luoghi, ricchi di vegetazione marina e di un infinità di pesciolini. Adatta anche ai bambini in quanto il fondale è basso e sabbioso. Da una parte della spiaggia c’è lo stagno di Chia, dimora di uccelli e altri animali, ma il re incontrastato è certamente il fenicottero rosa.

Spiaggia del morto

Qui i colori cambiano rispetto al resto delle cale attorno ad essa. Dal bianco della sabbia, caratteristica di Chia, si passa all’oro e qua è là, lungo l’arenile, spuntano rocce di granito rosa. Il tutto circondato da ginepri secolari, dal lentischio, dal cisto e da verdi e ombrosi pini. Ci si può arrivare solo percorrendo a piedi un sentiero che costeggia monte Cogoni, posteggiando l’automobile nel parcheggio dietro Porto Campana.

Porto Campana

Dopo aver lasciato la propria automobile in un parcheggio, si seguono i sentieri segnati che portano a Capo Spartivento e così si può raggiungere tale spiaggia, nei pressi della cala del morto. Si caratterizza per la sabbia fine e bianca e per alte dune che le fanno da cornice assieme alla macchia mediterranea.

La colonia

La coloniaSi trova alla destra della torre di Chia, è una spiaggia lunga quasi un chilometro di sabbia bianca, con a ovest dune e uno stagno. Alle spalle vi è un grande parcheggio.

Il Porticciolo

L’arenile di forma tondeggiante è costituito da sabbia grossa che si tuffa in modo piuttosto ripido sul mare, per cui il fondale risulta essere abbastanza profondo. Si trova a soli 200 metri da un ampio parcheggio sotto il promontorio su cui si erge la Torre di Chia.

Isula Manna

È una spiaggia raggiungibile solo a piedi, partendo dal promontorio della torre di Chia edalla spiaggia del Porticciolo, lungo un sentiero immerso nelle vegetazione. Compiere questa camminata della durata di 5-10 minuti ne vale veramente la pena dato quel che ci sarà alla fine. Una sottile lingua di sabbia, suddivise in piccole spiaggette, collegata a un isolotto detto Su Cardolinu o anche Isula Manna, isola grande. L’intero paesaggio circostante è selvaggio e genuino e l’unico segno della mano dell’uomo è dato dai resti della città cartaginese di Bithia presenti sopra l’isola.

Cala Cipolla

Cala CipollaÈ la spiaggia più a ovest, lasciando l’auto nel parcheggio di Su Giudeu, si percorrono all’incirca 10 minuti di camminata. Due cale di sabbia fine bagnate da una acqua azzurra e chiara si aprono silenziose in mezzo a rocce e alla vegetazione mediterranea. Torre spagnola e Bithia. Domina la costa e tutto il territorio di Chia una torre spagnola del XVII sec. Sorge sopra un promontorio e si può facilmente vedere da tutta da tutte le spiagge, anche durante la  notte quando dei potenti riflettori la illuminano risaltando ancora di più la sua imponenza. È facilmente raggiungibile con qualche minuto di camminata e una volta arrivati fin sopra la cima si possono scorgere le rovine di Bithia, città cartaginese del VI e VII  sec. a.C. presenti sull’isolotto di Isula Manna. L’acropoli, con i suoi caratteristici Tophets, conserva tutt’ora le tracce delle antiche costruzioni e durante gli scavi sono stati rinvenuti diversi interessanti reperti e suppellettili, i quali sono conservati al Museo Archeologico di Cagliari e in quello di Domus de Maria.