Booking e Info +39 0784 39303 Orari: Lun/Ven: ore 9:00/19:00, Sab: ore 9:00/13:00 Richiamami

Portale Sardegna
Torna alla Home
La Sardegna proposta da chi la vive!
Iscriviti alla newsletter e risparmia 20€ extra

Guida vacanze Santa Caterina di Pittinuri

  • Santa Caterina di Pittinuri
  • Santa Caterina di Pittinuri
  • Santa Caterina di Pittinuri

Sviluppata nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, nei dintorni della chiesa dalla quale prende il nome, nelle vicinanze delle torri costiere costruite dagli spagnoli nel ‘500, Santa Caterina di Pittinuri, era costituita perlopiù da case rudimentali utilizzate come appoggio dai pastori. Queste vennero poi abbattute per lasciare posto alle vere abitazioni nate tra gli anni ’50 e ‘60. Santa Caterina è ora una bella e allegra località balneare e turistica che si affaccia sul mare di Sardegna, nella costa occidentale dell’isola, a metà strada tra il Golfo di Oristano e quello di Alghero, vicino alla cittadina di Cuglieri, di cui è frazione.

Vacanze in Sardegna
a Santa Caterina di Pittinuri

Surf, kite surf, vela

La spiaggia di Santa Caterinaè tra le più affollate tra gli appassionati di questo sport.

 

Diving

I fondali che circondano Santa Caterina e la spiaggia di S’Archittu sono tra i più interessanti e suggestivi. Gli appassionati di immersioni non si possono certo lasciar scappare l’occasione di esplorarli per scoprire le tane dei polpi o delle murene, per guardare i pesci che nuotano tranquilli tra rocce e alghe dai mille colori. Un’esperienza unica che potete assaporare noleggiando l’attrezzatura nei centri divnig specializzati. Possibilità di effettuare le immersioni di gruppo e seguire lezioni con professionisti esperti per il conseguimento del brevetto.

 

Escursioni a piedi

Per gli appassionati di trekking sono molteplici i percorsi da scoprire. Si possono realizzare lunghe passeggiate fino alla cascata di Capo Nieddu e poi proseguire verso nord per raggiungere dopo circa un chilometro la torre spagnola di Capo Nieddu. Andando ancora avanti si arriva lungo le falesie basaltiche a picco sul mare dove si trova la foce del RiuMannu. Qui sarà possibile ammirare lo splendido panorama di Punta Foghe, sul territorio di Tresnuraghes. Il tragitto è tutto in piano ed è lungo circa sei chilometri.

 

Eventi

In primavera , nella seconda domenica di maggio si celebra la Festa della Santa Patrona. Il sabato sera, a Cuglieri, la statua della Santa viene posta su un carro il quale, il giorno seguente, sarà trainato dai buoi fino alla località marittima, dove i fedeli lo accolgono spargendo petali di rose sul corso principale. Segue una messa in suo onore. Lunedì il simulacro viene riportato a Cuglieri. In questa occasione il paese si veste a festa, con bandierine e rami d’alloro che abbelliscono le strade. E la sera si conclude con i festeggiamenti civili nella piazza Centro Servizi, dove si esibiscono i migliori cantanti isolani e si balla fino a tardi il ballo sardo. Un altro evento degno di essere visto è quello che si tiene verso la fine dell’estate, intorno alla terza o quarta settimana di agosto. Il paese propone uno spettacolo pirotecnico che richiama un vasto pubblico da tutta l’isola pronto a restare col naso all’insù per ammirare gli spettacolari fuochi d’artificio che vengono sparati sul mare: i giochi di luce fanno risplendere l’intera baia sulla quale la borgata si affaccia conferendole un fascino indescrivibile. Da qualche anno questo spettacolo viene affiancato dalla Sagra del vitello arrosto, che si svolge nel boschetto antistante la spiaggia. Già dalla mattina interi vitelli allo spiedo vengono cucinati seguendo le antiche tradizioni sarde e offerti ai visitatori che apprezzano interamente il gusto e il sapore di questi animali allevati allo stato brado. 

Le rovine di Cornus e Columbaris

Il complesso archeologico di Cornus si trova sull'altopiano di Campu'e Corra nei pressi di Cuglieri, vicino alla località turistica di Santa Caterina, nella costa ovest della Sardegna in provincia di Oristano. La città fu fondata dai Cartaginesi alla fine del VI secolo a.C. e comprendeva diversi quartieri abitativi e artigianali protetti da una cinta muraria. Nell’acropoli punica sono stati ritrovati i resti provenienti da sepolture e alcuni reperti di cultura materiale. Varie ricerche e studi hanno rilevato che essa fu uno dei centri principali della resistenza sardo-punica contro l’invasione dei romani, soprattutto durante la seconda guerra nel 215 a.C. Il periodo più fiorente e importante della città fu, però, quello tardo antico. In tale epoca vicino alla città fu edificato un complesso cristiano, di nome Columbaris, dove sono stati trovati tre edifici basilicali e un'ampia zona dedicata alla sepoltura. Questa è stata individuata in una vecchia struttura termale romana appartenente alla precedente epoca che fu, appunto riutilizzato per creare un cimitero. Da segnalare al visitatore: dei sarcofagi di pietra presenti nel sito utilizzati per seppellire i cristiani più importanti e l’antico basamento dell'altare con di fronte, verso l'abside, la scalinata del soglio episcopale. Nonostante il sito archeologico si trovi in stato di abbandono, i cancelli siano sempre spalancati e il campo sia infestato di arbusti e cespugli la visita è agevole. Sono presenti dei pannelli che forniscono ampie e approfondite spiegazioni sul complesso.

 

Cascata di Capo Nieddu

È l’unica cascata che si butta in mare con un salto di circa 40 metri al centro di un grandioso anfiteatro roccioso naturale dai colori rossi e marroni. Per osservare il getto d’acqua in tutta la sua interezza si consiglia di recarsi sulla punta di un piccolo promontorio che si sporge leggermente sul mare e consente vedere tutto alla perfezione, anche il bel panorama che si apre sulla costa. La cascata si forma solo dopo lunghe e abbondanti piogge, soprattutto verso la fine dell’inverno e in primavera. 

Mangiare in Sardegna

In Via Nazionale a Santa Caterina troviamo il Ristorante La Scogliera. Posizionato all'interno della baia, offre una meravigliosa vista sul mare che potrete ammirare gustando squisite pizze o specialità tipiche a base di pesce fresco e cucinato magistralmente. Nella vicina S’Archittu, a soli 3 km, per chi ha voglia di una passeggiata nel bellissimo lungomare prima o dopo cena, vi segnaliamo l’Altamarea dove si può mangiare al chiaro di luna nella romantica terrazza sulla spiaggia. Anche qui potremo assaporare una buonissima pizza e piatti di mare tra i più gustosi. 

S'Archittu

S'€™ArchittuDista solo 3 chilometri da Santa Caterina. È un’altra graziosa località marittima con di fronte una spiaggia di piccole dimensioni, dalla sabbia color ocra scuro, affacciata su un mare trasparente azzurro e blu cobalto. Il fondale è particolarmente basso e digradante verso il largo, molto adatto ai bagni dei bambini. La spiaggia sulla destra confina con scogli argillosi e bassi, dove si formano piccole piscine molto amate e apprezzate dai bambini che spesso, armati di retino e secchiello, provano a pescare qualche granchio e piccolo pesciolino. Proseguendo sulle rocce, o percorrendo un sentiero di pietra sopra la collina, si giunge a una caletta nascosta e di rara bellezza con di fronte uno splendido arco (da qui il nome della località) scavato dal mare nella roccia calcarea, vero monumento naturale. L’arco è immenso, ci si può arrivare dalla spiaggia a nuoto, ci si può arrampicare sopra di esso e magari tuffarsi nell’acqua profonda. Molti stanno sulle rocce dell’arco a prendere il sole anziché stare sulla sabbia (anche perché la caletta essendo veramente piccola è sempre affollata). Sull’arco il paesaggio che si apre davanti agli occhi è veramente spettacolare: la roccia bianca calcarea è di un chiarore abbagliante, si formano delle piscine di acqua salata durante l’inverno che nei mesi più caldi si asciugano e sembra perciò di essere sulla luna. Un luogo unico al mondo e veramente stupendo. E se la spiaggia di fronte al centro abitato quando soffia il vento si increspa, la caletta è sempre riparata dal grande arco per cui anche con il maestrale le sue acque sono calme e tranquille. È ottima per gli amanti del diving e dello snorkeling, infatti il fondale risulta essere particolarmente roccioso: habitat ideale per polpi, ricci di mare, pesci di ogni qualità e grandezza, il tutto abbellito da una flora marina veramente colorata e vivace. La spiaggia offre un ampio parcheggio, bar pizzerie, gelaterie, market, edicole, tabacchi, ristoranti, noleggio kayak, centro diving.