“e sono OTTO !! Provando a coniugare la parola mondo senza paura.
L’ ottava edizione si cimenterà nel tentativo di spostare i centri,perchè attraverso la letteratura ogni punto è centro qualcosa. Nel mondo che vogliamo non ci sono periferie. “

Con queste bellissime parole che troverete nel sito ufficiale dell’evento è un piacere per noi dare spazio alla presentazione che gli organizzatori hanno diffuso per promuovere il programma del Festival Letterario della Sardegna a Gavoi.

Siamo oramai quasi arrivati alle coinvolgenti giornate di un evento culturale che è diventato una tradizione dei giorni della prima parte dell’ Estate. Un Festival Letterario  che da 8 anni raggruppa interessi, avvenimenti, passioni ed esalta la partecipazione di turisti e locali  nel delizioso paese del centro Sardegna.

Un paese molto vitale della Barbagia che si anima e si raccoglie intorno alla manifestazione, ravvivando le vie e le piazze, e coinvolgendo un gran numero di volontari.

Si parte con la serata inaugurale del 30 Giugno che verrà impreziosita dalle note magiche della tromba di Paolo Fresu che farà tappa  a Gavoi con il suo favoloso tour della Sardegna.

E allora buon Festival di Gavoi con la speranza possa essere per molti un arricchimento e una possibilità ulteriore per comlpletare  delle Vacanze Sardegna ricche di emozioni. Tantissimi gli Hotel Sardegna dai quali partire per dedicare una o più giornate per perdersi gioiosamente tra le storie del festival.

di Associazione Culturale Isola delle Storie

Immaginate una storia. Immaginate un luogo dove questa storia è resa
possibile. Immaginate ora una terra, la sua gente, il silenzio di chi ascolta,
l’emozione di chi parla. Immaginate suggestioni, narrazioni, racconti; il
potere della parola, il suo verbo espressivo.

Provate ora a pensare a una piazza, a due figure che dialogano e si confrontano, alla gente che ascolta
e al suo slancio di partecipazione. Le parole scorrono nei racconti detti di
notte, detti di giorno. Viene voglia di sorridere pensando a questo
“insieme”, di respirare il profumo delle parole che si pronunciano, che si
odono.

La terra che ci accoglie, in quest’angolo remoto di Sardegna, è la
Barbagia, dove impressioni forti, antichissime, vanno e vengono da molto
lontano. C’è qualcosa di dolce in questa idea della lontananza – ma anche
nella vicinanza, nello stare insieme. Siamo invitati a partecipare a un
evento, a non aver paura di incontrarci, di mischiare le nostre voci alle
nostre parole.

Gente che ama leggere, gente che ama ascoltare, si
incontra così, con questo spirito, in questo clima familiare, ogni anno, in
estate, al Festival Letterario della Sardegna, a Gavoi.

Il Festival Letterario della Sardegna, organizzato dall’associazione
culturale L’Isola delle Storie, che vede nella figura dello scrittore Marcello
Fois
il suo Presidente, si svolge quest’anno dal 1 al 3 luglio 2011.
Giunto con successo alla sua VIII edizione, è reso possibile dalla
partecipazione attiva dei cittadini di Gavoi, i celebri volontari dalle
“magliette rosse”, con il sostegno delle principali istituzioni pubbliche e
private:

Regione Autonoma della Sardegna, Provincia di Nuoro, Comune
di Gavoi, Unione dei Comuni di Barbagia, Camera di Commercio,
Industria, Agricoltura e Artigianato di Nuoro, la Fondazione Banco di
Sardegna, e con la preziosa collaborazione degli istituti di cultura: il
Goethe Institut, l’Istituto di Cultura Polacco, l’Istituto Confucio
dell’Università di Milano e l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca
Umanistica di Venezia.

La manifestazione si inaugura giovedì 30 giugno, in un’atmosfera di
grande suggestione, con un concerto del trombettista jazz Paolo Fresu,
“Mistico Mediterraneo”, in cui il musicista amalgama note jazz con
melodie ispirate alla tradizione popolare, accompagnato dalle sette voci
del coro polifonico corso A Filetta (La Felce) e il bandoneon di Daniele di
Bonaventura, punto d’incontro tra le sonorità di Fresu e l’esecuzione
vocale del gruppo.

Il concerto rientra nell’ambito dei festeggiamenti per i
cinquant’anni dell’autore: 50 anni, per 50 concerti, in 50 paesi, dove Gavoi
rappresenta senz’altro una piazza molto amata.

Un altro evento speciale è dedicato agli ottant’anni di Ermanno Olmi, il
pluripremiato regista, grande sostenitore del festival fin dalla sua prima
edizione nel 2004.

Sarà presente il Maestro Olmi insieme a Franco
Piavoli e Maurizio Zaccaro, introdurrà l’incontro Sergio Naitza.

Il Festival Letterario della Sardegna omaggia quest’anno tre grandi autori:
Salvatore Cambosu, Josè Saramago, Tiziano Terzani. La lettura di
brani scelti precederanno i vari appuntamenti.

Gli incontri mattutini si terranno a S’Antana ‘e Susu, Dal Balcone Martine
Van Geertruyden incontra Bianca Pitzorno, scrittrice poliedrica di vari
generi e autrice televisiva; Maria Giacobbe, scrittrice, la cui produzione e
impegno in campo culturale ha favorito una maggiore conoscenza della
cultura sarda nel nord Europa; il giovane scrittore sardo Flavio Soriga.

Gli appuntamenti di mezzogiorno dedicati ai dibattiti sulla società si
tengono nella suggestiva piazza di Sant’Antiocru.Uomini di cultura di varie
estrazioni e formazioni si confrontano sul tema Evoluzioni, Involuzioni,
Rivoluzioni. Ritanna Armeni, giornalista, scrittrice e conduttrice tv,
incontra Barbara Serra giornalista di Al Jazeera, Gad Lerner ed il
giornalista inglese Peter Popham; il filosofo Giulio Giorello, il giornalista
Riccardo Iacona e Wlodek Goldkorn caporedattore culturale
dell’Espresso; l’economista Pierluigi Sacco e lo storico d’arte Christian
Caliandro, co-autori del saggio Italia Reloaded in un incontro che prevede
anche la partecipazione di Renato Soru e Bruno Murgia.

Il pomeriggio, dedicato ai Reading ospiterà nel giardino comunale l’attore,
drammaturgo e regista teatrale Marco Baliani; l’autore e conduttore
radiofonico Marco Presta; l’attrice Isabella Ragonese accompagnata dal
polistrumentista musicista Gavino Murgia.

Lo spazio Esordi, alle 17.15 nel cortile delle scuole elementari, è riservato
agli autori emergenti presentati quest’anno da Fabio Geda, scrittore e
collaboratore del quotidiano La Stampa. Nei tre giorni del festival il
pubblico di Gavoi incontrerà Alessio Torino, Emanuele Tonon, Elisa
Ruotolo, Alessia Gazzola, Claudio Bagnasco, Paolo Sortino e lo
scrittore e sceneggiatore rumeno Lucian Dan Teodorovici.
Con Storie di altri Luoghi, Ursula Bavaj, professore ordinario di
Letteratura tedesca, presenta lo scrittore tedesco Uwe Timm.
Nello stesso spazio Alessandra Casella incontra Anne Perry, scrittrice
britannica, grande maestra del giallo, mentre Paolo Collo introduce lo
scrittore e avvocato spagnolo Ildefonso Falcones.

Domenica, l’appuntamento delle 19.00 Vicini Lontani chiude il festival,
Alessandra Casella introduce Daria Bignardi, autrice e conduttrice
televisiva e la nota scrittrice spagnola Alicia Giménez-Bartlett.
Parallelo al programma per adulti quello per ragazzi, curato da Teresa
Porcella e gestito dall’Associazione Scioglilibro, in collaborazione con
l’Associazione l’Aleph e il Consorzio della Pubblica Lettura Sebastiano
Satta di Nuoro.

Attualissimo il tema di quest’anno: “Incertezza e
indecisione. Che cosa fare quando non sappiamo che cosa può accadere
fuori e dentro di noi?”.

Molti gli ospiti di fama nazionale e internazionale che, insieme al pubblico,
cercheranno di trovare delle risposte a questo interrogativo. Tra gli autori
italiani: Margherita Oggero autrice di Orgoglio di classe. Piccolo manuale
di autostima per la scuola italiana e chi la frequenta, Luisa Mattia (il suo
romanzo La scelta è considerato ormai un classico per ragazzi),
Francesco D’Adamo, Sofia Gallo e Loredana Frescura.

Sempre italiani,gli illustratori Guido Scarabottolo, Vittoria Facchini, Brunella Baldi: tre
mani dal segno diversissimo e raffinato, capaci di aprire nuove possibilità
di visione a piccoli e grandi e il poliedrico Otto Gabos (pseudonimo di
Mario Rivelli), artista, fumettista e scrittore isolano da tempo affermato e
apprezzato a livello nazionale per l’originalità della sua
produzione.

Significative anche le voci di altri paesi: l’autrice e illustratrice
tedesca Jutta Richter, famosa in tutto il mondo per l’incisività e la
raffinatezza dei suoi libri, la franco-israeliana Valerie Zenatti, autrice dalla
straordinaria sensibilità culturale e sociale, e l’iracheno Fuad Aziz, artista
e illustratore per ragazzi, da anni residente in Italia, dove lavora sui temi
dell’intercultura e del rispetto della diversità. A favorire il dialogo tra autori
e pubblico, ci saranno Eros Miari, tra i più esperti promotori della lettura
tra i giovani in Italia, (fondatore di Equilibri e di Fuorilegge), Chiara
Bettazzi, Beniamino Sidoti, Cecilia Fabbri, gli ultimi due, esperti
animatori alla lettura, regaleranno ai bambini anche due laboratori da non
perdere.
Non mancheranno, come ogni anno, lo spazio cinema, curato dalla
Società Umanitaria di Cagliari, e i laboratori dalle varie aree espressive:
non solo libri e lettura, ma anche musica con Gianfranco Antuono e i
ragazzi delle scuole di Gavoi, giocoleria, yoga, creazione di libri-gioiello,
con artisti speciali tutti da scoprire.

Nello spazio ragazzi in esposizione la mostra “I colori del classico.
Omaggio a Laura Orvieto” frutto del concorso “Nuovi colori per un
classico”, indetto da Giunti editore per selezionare l’illustratore per la
nuova edizione di Storie della storia del mondo di Laura Orvieto. Beatrice
Fini, responsabile editoriale gruppo Giunti, Martin Salisbury, docente di
Illustrazione a Cambridge, Silvana Sola, Giannino Stoppani e docente di
Storia dell’Illustrazione all’ISIA di Urbino, hanno selezionato il gruppo di
illustratori in mostra, da cui è uscita vincitrice: Cristina Storti Gajani.

Si rinnova, inoltre, la collaborazione con il MAN – Museo d’Arte di Nuoro.
L’evento immobile, rassegna a cura di Cristiana Collu, Saretto
Cincinelli e Alessandro Sarri, che ha per sottotitolo Sfogliare il tempo.

L’Isola delle Storie, che nel 2007 è stato promotore, in collaborazione
con il MAN, della prima edizione di L’evento immobile, dedicherà una
sezione di approfondimento all’opera di alcuni artisti proposti nelle varie
tappe della manifestazione.
Infine, come ogni anno, sarà presente la mostra Istranzadura, realizzata
dalla fotografa Daniela Zedda, che espone a cielo aperto per le vie del
paese, le immagini che immortalano i volti dei protagonisti delle passate
edizioni.
Da segnalare tra i maggiori sponsors del Festival: Le Cantine Argiolas,
Tiscali e la Banca di Sassari ai quali quest’anno si aggiungono Consorzio
per la Tutela del Fiore Sardo D.O.P., Convisar–Consorzio Vini Sardegna e
il Mirto di Brunella.

* Trovate queste e tantissime altre fotografie nella pagina facebook dedicata all’ evento Festival delle Storie.

About giovanni sedda

2017-03-21T11:59:58+00:00 mercoledì 29 giugno 2011|Eventi Sardegna, Vacanze Sardegna|1 Comment

One Comment

  1. […] Il festival verrà inaugurato il 28 giugno alle 21.30, dopodiché si inizia subito alla grande con la musica di David Riondino, accompagnato dal trombettista Riccardo Pittau. […]

Leave A Comment