image

241746 209757745729792 3902773 o Piccole grandi isole della Sardegna

Abbiamo chiesto all’amica Laura Tufari del blog di Edreams un’idea per il suo prossimo viaggio nella nostra amata isola e la sua attenzione è caduta su alcune piccole isole di grande bellezza.

Vediamo insieme quali sono le mete di Laura e perché vorrebbe visitare queste piccole grandi isole della Sardegna.

La Sardegna è già di per sé un gioiello che racchiude, sulle sue coste e al proprio interno, meravigliosi ambienti naturali e urbani e un patrimonio culturale e antropologico incalcolabile.



  • Tags:

BTO2013 : #ITisME  perchè creare valore è una strada condivisa, una visione che include tutti.

1480690 10152156371903132 616722059 n Dalla Sardegna al BTO 2013: ITisME perchè creare valore è una strada condivisa.

Inizia la settimana del  Buy Tourism Online  e io sono in viaggio verso Firenze per poter partecipare a questo importante evento sul turismo che si presenta anche quest’anno con un programma ricco di stimoli e momenti di confronto.

Non solo per incontrare vecchi amici e operatori del settore e non solo perché ad aprire domani la prima giornata sarà Philip Wolf uno degli storici fondatori di PhoCusWright e massimo conoscitore dei trend mondiali sul turismo.



  • Tags:

L’anima della Sardegna dopo la tempesta: questi sono giorni molto tristi e impegnativi per la nostra terra, ferita e in lutto. La speranza è che il peggio sia passato. Le persone hanno reagito e si sono organizzate per aiutarsi e per superare l’emergenza alluvione e le avversità.



  • Tags:

“L’autunno incipiente velava il cielo d’infinita dolcezza; l’orizzonte si copriva d’un vapore latteo e roseo, che pareva velasse ma lasciasse intravedere un mondo di sogni ineffabili.” Grazia Deledda

locandina autunno in barbagia 2013 Autunno in Barbagia 2013: la stagione dei frutti migliori

Autunno in Barbagia 2013: la stagione dei frutti migliori. Entra nel vivo la bella manifestazione che caratterizza il centro sardegna in questo affascinante periodo dell’anno. L’Autunno è una stagione musicale e sensoriale nella mia Sardegna, spesso narrata e evocata dai poeti nelle loro visioni per dare voce a sentimenti profondi.

“E i sas femminas nostras iscuras guardianas/Ch’in sas domos bos rezzin cun grazias galanas/Cantu piantu han suttu e dolu han costoidu/Che terra chi sas abas d’atonzu s’hat chistidu.”

IMG 20130817 00416 I suoni dei miei viaggi in Sardegna.

I suoni dei miei viaggi in Sardegna: l’ ascolto è uno strumento critico di avvicinamento e comprensione di una realtà, indispensabile per capirne l’indole e l’anima… 

La nuova sollecitazione sensoriale del Senso dei miei Viaggi mi ha portato a riflettere su un vecchio desiderio. In un bel film di Wenders accompagnavamo un simpatico creatore di suoni per il cinema nella sua ricerca attraverso la bella Lisbona.

Ecco, il mio desiderio è sempre stato quello di stimolare e poi godere di una completa calligrafia dei suoni della nostra terra, simboli favolosi ed evocativi, ipnotici, frammenti emozionali dal territorio, la nostra voce e il nostro silenzio.

113a  Sagra del Redentore Nuoro 2013  dal 17 al 29 Agosto, il futuro e il calore delle tradizioni.

 “Azes passadu sa vida fachende bene a su mundu, / curende ogni moribundu, / torrende mortos in vida” Antonio Conchedda, “gosos” del Redentore.

Musica e Sardegna. La nostra isola è un tale frullato di suggestioni sonore che dialogano con i silenzi dei suoi vasti spazi che sembra quasi che ci parli con differenti tonalità di voce.

Omar Sosa e Paolo Fresu alla chiesa di San Michele — a Berchidda Sardegna. Musica e Sardegna, il viaggio continua

Time in Jazz

E di musica abbiamo parlato spesso in questo blog perchè i suoni e l’emozioni che ci regalano incidono sulla memorabilità  prolungando ogni nostro viaggio.

Queste suggestioni hanno ispirato una cultura musicale molto ricca e un’attenzione alla musica che ha spinto i vari territori a organizzare tantissime manifestazioni culturalmente eccellenti che si sono ritagliate uno spazio importante nei nostri cuori. Stanno per partire alcune rassegne musicali a cui tengo molto, rassegne che mi hanno affascinato negli anni per la qualità della proposta e per la bellezza degli scenari che le ospitano.

“Non solo mare. La Sardegna è vallate, campagne, leggende e storie, canti e tradizioni. Il sussurro di una storia millenaria che ogni tanto ci soffia dentro la magia del passato”

Il fascino della Basilica di Saccargia

“La finestra verde sempre chiusa allo stesso modo. Lo specchio per la barba ben uguale a se stesso. Ma la seconda volta c’era una donna dai capelli gialli.” S.Atzeni

Lollove 5 Porte e finestre dei miei viaggi in Sardegna

Lollove

Porte e finestre sono entrati nell’immaginario poetico e letterario, da sempre narrate, cantate, raccontate, filmate e fotografate. Sono state spesso simbolo di stati dell’anima e della vita, a volte confine tra una condizione possibile e un’altra misteriosamente ignota.

Durante i nostri viaggi in tanti rimaniamo affascinati dalla bellezza di alcune testimonianze della storia, portoni in legno o di metalli di varia natura di chiese, palazzi o case. A volte rimaniamo incantati a fissare le finestre di case in città a noi sconosciute immaginando la vita o la visuale delle persone che le abitano.

“Non solo foto. Cerco uno scambio di racconti, di ricordi. L’evocazione di qualcosa di magico che solo la storia sa ispirare …”

Quante volte percorriamo per anni la stessa strada, diamo uno sguardo tra l’ammirato e il distratto a uno scenario, a una testimonianza della nostra storia e ci ripromettiamo una visita che rimandiamo poi molte volte.

 “La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali.” M. K. “Mahatma” Gandhi

In questo spazio ho parlato spesso dell’importanza del rispetto verso l’ambiente, la bellezza del nostro territorio e della natura in genere. Mi ha fatto pertanto molto piacere aderire alla nuova e simpatica iniziativa di Monica del blog Viaggi e Baci che ancora una volta ha proposto un tema interssante da condividere.

Il tema di questa volta è “Gli animali dei miei viaggi”. Ho sempre ritenuto importante nel valutare il grado di civiltà dei territori quello che è il rapporto che questi hanno con la flora e la fauna che li impreziosiscono.

Si potrebbero aprire tanti temi nel tema: come aiutare chi viaggia con i propri animali affinché possa usufruire di una vacanza di qualità, quali regole da seguire per rispettare l’ecosistema che andiamo a visitare integrandoci con esso in armonia, come sostenere associazioni che si rendono utili nella salvaguardia della fauna e dell’ambiente.

Ho bellissimi ricordi dei tanti animali incontrati nei miei viaggi, soprattutto in Australia dove tra canguri, Kookaburra e koala vi è solo l’imbarazzo della scelta nel cassetto del cuore e delle emozioni: una su tutte, l’arrivo dal mare dei pinguini a Phillip Island, da osservare in silenzio e con rispetto mentre un tramonto ti fa esplodere intorno i colori.

Animali della Sardegna

In questo post vorrei invece ricordare gli animali della mia Sardegna. Essi popolano tanti ricordi e non posso non sorridere al pensiero dei tanti incontri fatti.

A volte sono entrati nel mito come la foca monaca che popolava i nostri mari e che ha ispirato cartoon giapponesi e libri di successo come Tottoi, divenendo anche simbolo della tutela ambientale. A volte sono regali preziosi come i nostri mufloni che sgambettano nel Supramonte della Barbagia.

Quelli che  ispirano simpatia come le tante capre che è possibile vedere per esempio in Ogliastra arrampicarsi su pendi ripidi spingendosi a godere esse stesse della bellezza del mare.

O  le pecore disseminate per le nostre campagne, quasi delle soffici cerniere bianche a cucire i prati, le martore, i grifoni, le balenottere che ci visitano con i loro spruzzi d’acqua come a Capo Testa, i cinghiali selvatici, le volpi, per non parlare delle tante varietà di pesci e molluschi o abitanti del mare in genere.

animali sardegna

Altre volte ancora sono orgoglio e passione che scatena il desiderio di tutela come nel caso dei mitici cavallini della Giara di Gesturi o degli asinelli bianchi della favolosa isola dell’Asinara. Ci sono storie straordinarie come quella della comunità dei gatti innamorati del mare di Su Pallosu, o del cane mascotte della capitaneria di porto di Cagliari.

E sembra quasi che la nostra terra li ami a tal punto questi animali da scolpirli per sempre grazie alla magia del vento nei nostri panorami. Capita così di incontrare rocce a forma di tartaruga,  con la forma e le sembianze dei miei amati orsi come a Capo d’orso o  l’elefante che si può incontrare quando ci si sposta tra Castelsardo e Sedini.

Le foto della galleria sono state fatte da amici amanti della natura e degli animali. Le 3 foto che scelgo e propongo tra le righe sono invece  momenti speciali legati a incontri dello scorso anno …

animali in sardegna

Il bellissimo cormorano al quale mi sono avvicinato lentamente con rispetto per ammirarlo prima che si immergesse e nuotasse via con una naturalezza e un’eleganza inimitabili presso una piccola cala di Alghero.

Il piccolo cinghiale selvatico che forse stanco di stare dentro la macchia sbucò fuori improvvisamente dirigendosi tranquillamente verso la spiaggia come per volersi fare un piccolo bagno ristoratore presso Marinedda.

I fenicotteri di Chia ma anche della laguna San Teodoro che ho osservato spesso con stupore e gioia e al quale ho dedicato un post.

Il ricordo più bello però non lo ho fotografato e ne sono stato felice dato che è rimasto più vivo dentro di me:

mi trovavo presso Matta e Peru nella zona di Budoni  e dopo aver camminato per una mezz’ora lungo la costa decisi come sempre di sedermi per ascoltare il mare in quella che io chiamo la “cala dei cormorani” perché spesso ho potuto vederli sugli scogli, immobili a ammirare il tramonto o la luce che rimbalza sull’acqua.

Improvvisamente mentre con la mia compagna ci riempivamo della bellezza di quello scenario, due delfini sono emersi a poche decine di metri da noi, maestosi, lucenti, perfetti. Abbiamo trattenuto il fiato, ci siamo guardati con stupore, ero felicissimo per quella sorpresa. Grati li abbiamo osservati saltare fino a vederli sfumare lontani sapendo sarebbero riemersi nella nostra memoria.

A questo proposito vorrei segnalare come questi animali possano essere anche una risorsa in più per il turismo se trattati con rispetto e salvaguardati e progetti intelligenti come Progetto Natura ce lo ricordano.

Da menzionare anche quelle realtà come il Centro recupero cetacei di Nora  che ho avuto il piacere di visitare personalmente, dove razze, cetacei e le nostre bellissime tartarughe di mare vengono curate in caso di incidente (spesso a causa di ami o eliche di motore ) e poi con amore riconsegnate al loro ambiente.

Anche per la Sardegna il metro per misurare il nostro di grado di civiltà  sarà basato su  quanto sapremo tutelare la nostra fauna e allo stesso tempo accogliere i viaggiatori che arriveranno a trovarci accompagnati dai loro simpatici compagni di vita.  Salvaguardiamo insieme gli animali della Sardegna. *Le altre foto della galleria sono di Massimo Marongiu, Mirko Elia e Cuore Carsico.

” Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà.” (Émile Zola)

cala goloritzè di emmequadro61 su flickr Viaggio in Sardegna da Olbia a Villasimius: consigli per una vacanza zaino in spalla

Ospitiamo oggi un post dell’amica Laura Tufari che ci parla di un bel Viaggio in Sardegna: ci sono mille modi di conoscere la Sardegna, e ognuno di questi apre la strada a chiavi di lettura, sfumature e suggestioni diverse per vivere e interpretare l’isola. Uno dei tanti modi è esplorarla in comunione con la sua meravigliosa natura, lasciando da parte il superfluo e concentrandosi sui piaceri semplici e sull’intensità che una vacanza backpacking può regalare.

Per chi ama i viaggi zaino in spalla, la Sardegna ha in serbo molte possibilità. I numerosi campeggi, i piacevoli itinerari e la possibilità di incontrare durante il viaggio molti altri giovani di tutto il mondo, la rendono un’esperienza estremamente piacevole.

482802 524496787594118 885001684 n NellOasi di Bidderosa sbarca il TNatura Italy 2013

“Un tuffo in mare per bagnare la faccia. L’attesa della spunta ti permette di concentrarti e meditare sul motivo perché sei lì. Quando ti sarà chiaro nella mente, allora sarai già di corsa sull’acqua bassa, perché l’arbitro ha dato il via …”

La Sardegna è un luogo ideale per stare all’aria aperta e per fare dello sport. Correre, nuotare, andare in bicicletta respirando il mare e i profumi di questa terra è quanto di meglio ci possa capitare.

La Cavalcata sarda 2103 è stata una festa : la cavalcata di Sassari  è una di quelle manifestazioni regionali che raggruppano, uniscono, creano esperienze da ricordare per i viaggiatori e per i partecipanti locali. Appuntamento ogni penultima Domenica del mese di Maggio come da tradizione.

Barbara Ibba 2 Trekking nel Supramonte di Ogliastra

Trekking nel Supramonte di Ogliastra: oggi vogliamo segnalare un appuntamento con l’ outdoor in Sardegna, ovvero una bella giornata di Trekking in un luogo di sicuro fascino e precisamente a sa Giuntura presso la Gola di Gorroppu , uno dei punti più caratteristici del Supramonte di Urzulei.

Saranno gli amici di Avventura Outdoor a organizzare questa giornata dedicata alla camminata per la Domenica del 19 maggio in Ogliastra.

Isacco Curreli 2 Trekking nel Supramonte di Ogliastra

Come il nome stesso suggerisce “Sa Giuntura” è un punto di confluenza fra i tre corsi d’acqua che attraversano questa terra dai connotati ancora aspri e incontaminati : il Flumineddu, la Codula Orbisi e il Rio Titione.


Get an awesome embedded message bar!Download