Alla scoperta dell’entroterra sardo: Bitti e Mamoiada

La Sardegna è un’isola meravigliosa nel centro del Mediterraneo, bagnata da un mare di straordinaria bellezza che l’ha resa famosa in tutto il mondo per le sue coste e le sue spiagge.
Ma la Sardegna non è soltanto mare, e non è una regione da vivere solo nella stagione estiva. Sono frasi e concetti che si sentono ripetere sempre più spesso. Sembrano ormai diventare banali e scontati ma così non sono.

L’isola sarda vanta una storia millenaria, un entroterra selvaggio e affascinante, tradizioni da scoprire, una cucina rinomata e antica. Inoltre, la Sardegna, è caratterizzata da tanti piccoli borghi dal fascino inconfondibile, contraddistinti da viuzze strette, case in pietra e i più recenti “murales” che spopolano in paesi come Orgosolo solo per citarne uno.

Due borghi situati nel cuore dell’isola, ricchi non solo di bellezze paesaggistiche e storiche ma anche e soprattutto di esperienze da vivere, sono Mamoiada e Bitti.

Bitti

Distanti sessanta chilometri l’uno dall’altro si trovano entrambi in provincia di Nuoro; Bitti appartiene proprio al territorio del nuorese, ed è un paesino di meno di tremila abitanti dalle tantissime sorprese. Sono infatti molti i luoghi da scoprire e visitare: partiamo dal “Museo Multimediale del Canto a Tenore”. Il canto a tenore è tipico della cultura della Sardegna ed unico al mondo, proclamato “capolavoro del Patrimonio Orale e Immateriale dell’Umanità”.

Bitti, il centro storico

Nel territorio di Bitti si può inoltre andare a scoprire il “Complesso Nuragico di Romanzesu”; anche questo un sito unico nel suo genere, protetto anch’esso dall’UNESCO. Si tratta infatti di un Villaggio-Santuario che porta una testimonianza impareggiabile sulla civiltà nuragica, caratterizzato da un percorso rituale labirintico che rimanda ad antichi riti collettivi legati soprattutto al culto dell’acqua, immerso in uno scenario naturalistico suggestivo e incontaminato tra sughere e affioramenti granitici. Il sito del “Romanzesu” è tra i complessi Nuragici più importanti della Sardegna. Una storia affascinante, che ha inizio nel XV sec. a.C., raccontata dagli eccezionali reperti di perle d’Ambra, dal tempio a pozzo e dal “labirintico” percorso rituale.

Non solo musei e siti concentrati sulla storia, cultura e tradizioni della Sardegna. A Bitti, infatti, c’è la possibilità di fare un viaggio nella preistoria arrivando sino all’epoca dei dinosauri! Di recente è stato creato il “Parco Bitti Rex” dove sono presenti le riproduzioni in scala reale dei preistorici dinosauri (state attenti al T-Rex!).
Visite guidate giornaliere permettono di approfondire tutti gli argomenti legati a questo periodo; il parco è all’aria aperta, incastonato tra splendide collinette ed un meraviglioso verde che impreziosisce la visita.

Bittirex, il parco tematico

Se sarai di passaggio nella zona di Bitti potrai però non semplicemente visitare i posti ma anche viverli!
Infatti, da quest’anno, c’è la possibilità di prendere parte a due giornate imperdibili: una giornata da vero pastore sardo e un’altra in una fattoria.
A pochi chilometri di distanza da Bitti, nella località Calavrina si trova una Fattoria Didattica dove trascorrere una giornata immerso nella natura incontaminata accompagnato da un esperto pastore. Ci si potrà cimentare nella mungitura delle pecore o delle vacche, nel taglio del sughero o nella produzione di formaggi e nella cosiddetta transumanza: governare un gregge come un vero pastore!

Fattoria didattica, Bitti

Un’esperienza che abbina a del sano divertimento, la pratica di queste attività autentiche e genuine che rappresentano le tradizioni antiche che resistono nell’isola sarda. Simile la giornata in Fattoria, dove si può prendere parte alla routine quotidiana di un allevatore sardo, tra lavori manuali, cura degli animali ed infine la meritata degustazione dei prodotti locali.

Mamoiada

Mamoiada si trova nel territorio cosiddetto della Barbagia. E anche in questo caratteristico borgo le esperienze da vivere lasciano solo l’imbarazzo della scelta.
Un primo modo per conoscere meglio il paese, è prendere parte ad un trekking urbano.
Dopo aver camminato tra le strade del paese, si può fare un tuffo negli antichi mestieri e nelle tradizioni dell’isola con un tour delle botteghe degli artigiani. Diverse le tappe da apprezzare, tra i laboratori del “Mascheraio”, del “Coltellinaio”, nel “Forno del pane carasau” e naturalmente non potevano mancare le cantine dove si produce il tipico e forte vino “Cannonau”.

Cucina, tradizioni, vino, divertimento e relax si mescolano in maniera armoniosa tra le vie del borgo.

Bottega del Mascheraio, Mamoiada

Anche Mamoiada vanta musei di prestigio internazionale: il Museo delle Maschere del Mediterraneo, dove scoprire le origini delle maschere del carnevale di Mamoiada oltre a quelle di Ottana e Orotelli, e il Museo della Cultura e del Lavoro, tappa fondamentale per conoscere e comprendere le tradizioni e la storia di questa parte dell’isola. Infine c’è il sorprendente Museo MATer, un museo narrativo ed esperienziale: chi lo visita vive un’esperienza sensoriale e moderna. Il museo diventa habitat narrativo, luogo attivo di sperimentazione artistica e luogo della memoria.

Mamuthone, Mamoiada

Anche a Mamoiada c’è una bellissima novità per questa stagione: una giornata in cui ci si può trasformare in una delle maschere per eccellenza della Sardegna, il Mamuthone! Un’esperienza perfetta per le famiglie e per i più piccolini che potranno travestirsi da veri Mamuthones così da imparare aspetti della storia della Sardegna mentre giocano e si divertono.

Mamoiada, una giornata da Mamuthone

In questo articolo abbiamo approfondito solo due delle tante tappe che si possono fare nel cuore della Sardegna. Nei prossimi articoli non mancheremo di descrivere gli altri borghi e le altre zone di interesse naturalistico dell’isola sarda.

Perché tra canyon, grotte, cascate, fiumi navigabili, laghi e zone montuose non ci si può accontentare di visitare questa terra solo d’estate e solo sulla costa!

Escursioni e Info

Non lasciatevi scappare alcune escursioni di qualità da fare in questi luoghi magnifici insieme ai nostri Travel Angels e agli esperti locali di Escursì:

Vedi anche le nostre guide:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *