La suggestiva strada Panoramica da Alghero a Bosa

  • Consiglio Numero 1 sulla Strada Panoramica da Alghero a Bosa : { Da vivere in prima persona }.

Alla scoperta della Strada Panoramica da Alghero a Bosa

Segnatevela subito nella mappa o nel taccuino dei viaggi tra le cose da fare se venite in Sardegna. Potete partire da Bosa o da Alghero, la cosa certa è che questo viaggio vi emozionerà.

Una via che viene raccontata spesso da blog di viaggi e riviste, segnalata anche da Touring Club Italia in quanto percorso privilegiato in un ambiente incontaminato e prezioso.

Questa è una strada magica che come paesaggio e suggestioni non ha niente di invidiare alle famose strade americane o neozelandesi . Sono 45 km di strada che costeggiano il mare regalando a chi la percorre in auto, moto, pullman, bicicletta o ebike autentici panorami da cartolina.

È la strada provinciale 105, che a metà strada tra Alghero a Bosa diventa strada provinciale 49. Un viaggio che vi permetterà di stare sospesi tra mare e montagna, un vero e proprio cinemascope naturale teatro di irresistibili panorami soprattutto al tramonto.

Un paesaggio con pochissime costruzioni, che presenta solo alcuni ovili di pietra che danno sul mare, quasi delle sentinelle nel silenzio.

Una Strada sul Mare come Patrimonio dell’umanità

Proposta tempo fa come patrimonio dell’Unesco e dell’umanità questa litoranea è un caleidoscopio di colori e un tripudio dei sensi da vivere in tutte le stagioni.   { Cosa potrete vedere  e  sentire ? }

Vedere : Le pareti vulcaniche di trachite rosa, la gradazione più scura del tuffo vulcanico verso Bosa. In Primavera arriva la festa del giallo delle ginestre che si abbina al blu del mare.

 Le sfumature di colore dell’acqua che vanno dall’azzurro intenso vicino a Alghero fino al verde smeraldo andando verso Bosa.  Le Cale sabbiose e rocciose da raggiungere attraverso sentieri immersi nella natura

Un patrimonio naturalistico variegato che tra le tante sorprese, tra le pareti che guardano l’orizzonte, può regalare la rara presenza dei grifoni, di aquile reali e falchi pellegrini.

Sentire: I profumi intensi come quello del cisto e delle tante piante della macchia mediterranea che si fondono con il profumo del mare.

Alghero e Bosa sono due tra le località più conosciute e amate della nostra Isola.  Amore non riposto a caso, in quanto, con le loro bellezze storiche e paesaggistiche, offrono un ampio ventaglio di esperienze da vivere durante una vacanza in Sardegna.

Consigliamo la tratta da Alghero a Bosa per chi viaggia in auto in modo da avere tutta la visuale sul mare al lato del guidatore.

Alghero: la Città del Corallo

Situata nella parte occidentale della Nurra, Alghero mantiene ancora nei suoi stretti vicoli, nelle strutture architettoniche dei palazzi e delle chiese una calda anima catalana, che ritroverete anche nella caratteristica denominazione bilingue delle vie.

Spiaggia di Alghero con veduta su Capo Caccia.

Un tour cittadino vi permetterà di passeggiare per il centro storico ammirando e scoprendo la storia di questa affascinante località nota come “Città del Corallo”.  Il corallo è un simbolo e una ricchezza di questi mari e diviene artigianato d’autore grazie a gioielli di grande qualità che è possibile acquistare nelle tante botteghe del centro storico.

Partendo dalla “Porta di Terra”, un tempo unico ingresso della città, oltre a quello della  ‘‘Porta di Mare”, percorrerete il circuito difensivo, attraversando poi le piazze e le strade più importanti.

E cosa non da poco potrete ammirare i colori del mare dai bastioni, magari sorseggiando un ottimo vermentino o gustando un gelato artigianale.

I bastioni sono anche una sorta di terrazza dei sogni dalla quale ammirare i famosi e intensi tramonti di Alghero.

Bastioni di Alghero con vista sul mare.

Il mare di Alghero e le sue spiagge

Come avrete già capito, dicendo Alghero si dice implicitamente, mare.  Perché bellissimo è il mare  con le sue numerose spiagge in cui rilassarsi. Con una gita in charter si può trascorrere una giornata indimenticabile nella natura incontaminata della costa, solcare le acque cristalline del Golfo di Alghero, Porto Conte e Capo Caccia.

Spiaggia del Lazzareto.

Tra le località da non perdere oltre al litorale cittadino consigliamo la Spiaggia delle Bombarde, la spiaggia del Lazzareto, la bellissima Pineta Mugoni con la sua baia amata da surfisti e nuotatori.

Pineta Mugoni.

Bellissima la superficie ma altrettanto affascinante è tutto ciò che si trova sotto il pelo dell’acqua. Con lo snorkeling si può scoprire la baia di Capo Caccia da un punto di vista differente e magari, se si è fortunati, essere a accompagnati direttamente dai padroni di casa: i delfini.

Si visiteranno i paradisi naturali come il belvedere dell’Isola Foradada, l’Isola Piana, ed altri luoghi accessibili solo attraverso il mare

Vista sull’isola Piana dal Monte Timidone.

Area Marina Protetta di Capo Caccia e Parco di Porto Conte

E per chi vuole avventurarsi nell’Area Marina Protetta di Capo Caccia in autonomia, senza un itinerario definito con soste programmate, la soluzione ideale potrebbe essere un’escursione con noleggio di un gommone confortevole. Consigliata una visita alle famosissime Grotte di Nettuno.

Panorama da Punto Giglio.

Mare cristallino ma non solo, ad Alghero potrai vivere lo spazio intorno a 360°. In sella a una E-Bike percorrendo i sentieri immersi nella macchia mediterranea del Parco di Porto Conte.

Bellissime le  escursioni presso la riserva naturale di Prigionette, Punta Giglio, la scogliera sulla splendida Cala Barca e per finire la scalata del Monte Timidone per godere del panorama di tutto il Golfo di Alghero.

Tappe consigliate della panoramica da Alghero a Bosa

Una volta lasciata Alghero potrete percorrere i circa 50 chilometri di curve sul mare da sogno della bellissima strada panoramica per arrivare a Bosa. Suggestivo e storico borgo dell’isola centro-occidentale.

Vi consigliamo di fare delle soste durante il tragitto per godere di scorci unici, respirare il profumo della natura, magari godere del calar del sole.

Tramonti sul mare lungo la panoramica.

Partiti da Alghero, s’incontrano le prime spiagge, tra cui quella bellissima di Punta La Speranza in località Poglina. Si lascia la cittadina Algherese  dopo aver ammirato le spiagge di Las Tronas che prendono il nome da due scogli a forma di trono.

Superata la spiaggia di Calabona ci si allontana per un poco dalla costa per qualche kilometro immersi nella campagna e tra gli olivi. Da queste parti troverete la bella Cala Burantinu.

Una deviazione verso Villanova Monteleone  vi permetterà di conoscere un borgo caratteristico e se per caso siete amanti delle arrampicate potrete divertirvi in uno dei luoghi più amati in Sardegna per chi pratica questo sport.

Inoltre troverete anche segnalato il parco archeologico di Nuraghe Appiu (Villanova Monteleone). Il tratto di costa tra Porto Tangone e capo Marrargiu è spettacolare ed è stato dichiarato Sito di importanza comunitaria (SIC).

Proseguendo lungo il percorso  la strada sfiora il territorio del nuorese e le pendici del Monte Mannu  per poi arrivare al promontorio di Capo Marargiu. Capo Marrargiu è il promontorio a metà del percorso che domina il golfo da Alghero sino a Bosa.

Le piazzole di sosta saranno per voi utilissime per godere del silenzio del posto e del paesaggio.

Stiamo andando verso l’oristanese dove inizia il regno delle calette. Veri e propri avamposti di bellezza sul mare da raggiungere tramite sentieri o via mare, a volte incastonate tra scogliere di tufo vulcanico.

Una di queste perle è Cala Cumpoltittu, che si raggiunge dopo un percorso a piedi  nella natura di pochi minuti. Una piscina naturale color verde smeraldo ideale per un bagno fresco di cui ricordarsi a lungo.

La splendida Cala di Cumpoltittu.

Poco più avanti c’è Torre Argentina con i suoi scogli piatti e il suo mare limpido, dove la tipica torre difensiva del cinquecento ci accoglie a Bosa.

Scogli di Torre Argentina.

Bosa: un colorato borgo sul mare

Uno  splendido paese sul mare che custodisce tantissime meraviglie: un fiume navigabile, Il Temo, le antiche concerie, l’antico castello medievale di Malaspina.  Resterete affascinati dalla policramia delle sue casette colorate,  la caratteristica torretta alla fine del porto e poi una moltitudine di spiagge, spiaggette, cale e scorci da sogno sulla costa.

Bosa è anche un paese di pescatori e per questo è ricco di ottimi ristoranti dove gustare i piatti tipici del luogo.  Da gustare la caratteristica Malvasia,  apprezzatissimo vino locale o piatti di pesce fresco come il Tonno alla Bosana, una fregola ai frutti di mare o le linguine all’aragosta.

Questa estate ci sarà una bella novità per quanto riguarda le esperienze in mare: una escursione di pesca turismo con uno skipper locale. Sarà una occasione unica per ammirare questa bellissima costa e per imparare tutti i trucchi del mestiere. Con l’obiettivo di tornare a casa con dello squisito pesce fresco!

Ponte sul Temo a Bosa

Vi consigliamo di esplorare con calma le vie del centro storico alla scoperta di storie, leggende e tradizioni . Dopo aver ammirato la vista del fiume e del mare dal Castello magari fate una visita alle stupende e storiche  chiesette campestri che circondano il borgo di Bosa.

Vista dal Castello Malaspina a Bosa.

Se volete scoprire le meraviglie della Sardegna, come il litorale di Alghero – Bosa, continuate a seguirci.  Consigliarvi è un piacere e scoprirete che il meglio delle esperienze outdoor nell’isola è a portata di click.

Escursioni e Info

Non lasciatevi scappare alcune escursioni di qualità da fare in questi luoghi maginifici insieme ai nostri Travel Agels e esperti locali di Escursì:

Vedi anche le nostre guide :

2 Comments on “La suggestiva strada Panoramica da Alghero a Bosa”

  1. Sono veramente impressionato dalla bellezza di questo lato di costa!. Questa estate pernotterò con la mia compagna a Bosa e fortunatamente percorreremo la strada Alghero/Bosa consigliata in questo articolo. Vi ringrazio per i consigli e le informazioni utilissime che trovo nel vostro blog…… mi sento già in Sardegna!.

  2. Grazie Mauro, siamo davvero felici di esserti stati d’aiuto. Mi raccomando non perderti il tramonto sul mare e se puoi farlo regalati un bagno al calar della sera nella bella “Cala di Cumpoltittu”, un bellissimo regalo della natura che non puoi lasciarti scappare. A presto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *